Archivi tag: Storia della Fotografia

Muore Helen Levitt, maestra della Street Photography

Helen Levitt

Helen Levitt era una fotografa statunitense, una delle più grandi del ventesimo secolo, che ha dedicato tutta la sua produzione artistica alla Street Photography. Si è spenta ieri all’età di 95 anni nella sua città natale: New York.

L’artista nacque a Brooklyn il 31 Agosto del 1913 e qui crebbe umanamente e professionalmente. Dopo aver lasciato la scuola iniziò a lavorare in uno studio nel Bronx ed intraprese la carriera fotografica che aveva appena 18 anni. Qui acquisì il suo bagaglio tecnico e rimase affascinata dalla vita di strada; era infatti un periodo in cui molti dei più noti fotografi producevano immagini forti e realiste che ispirassero un cambiamento sociale.

La Levitt iniziò a fotografare nei quartieri poveri come Harlem e il Lower East Side, dove le persone utilizzavano la strada quasi fosse il loro salotto e dove lei dimostrò un istinto innato per la drammatizzazione della vita di strada attraverso l’uso della macchina fotografica.

James R. Mellow in una biografia di Walker Evans scrisse che pensava che solo lo stesso Evans, Cartier-Bressons e la Levitt avevano qualcosa di originale e importante da dire. Lei infatti li conobbe entrambi, sia Evans che Bressons, e da entrambi prese qualcosa, pur riuscendo a creare un suo stile personalissimo. Non fu un caso che nel 1936 acquistò una Leica, la macchina preferita del fotografo francese.

La sua passione per la vita risultava evidente in qualsiasi cosa facesse, aveva un naturale talento estetico e fu uno dei pionieri della fotografia a colori. Seppe combinare intuizione e ragionamento intellettuale creando composizioni avvincenti, rendendo le sue fotografie potenti, sincere, significative e misteriose allo stesso tempo. Le opere della Levitt non sono sentimentali, ma sprigionano un senso d’amore e sogno. Il generale ottimismo di chi crede che il mondo un giorno sarà suo.

Basta guardare alcune delle sue opere per capire meglio quello che ho scritto.

Sicuramente è una delle più grandi e da lei c’è solamente da imparare. Ispirò tutta una generazione d’artisti e probabilmente continuerà a farlo. Magari a cominciare da te.

Fonte originale: Helen Levitt, Who Froze New York Street Life on Film, Is Dead at 95

Annunci

Cosa è la Street Photography

barber's shop

Ecco alcuni cenni di carattere generale sulla Street Photography.

La Street Photography inizia a svilupparsi nei primi decenni del ‘900, in seguito alle esperienze della Straight Photography, alla diffusione delle macchine fotografiche portatili e all’affermazione del Fotogiornalismo come genere a sè.

La Street Photography privilegia l’attimo, l’unicità dell’evento, la particolarità della situazione rispetto alla tecnica fine a se stessa.
Questo bada bene, non significa trascurare il mezzo, ma averne una coscienza e una padronanza tali da saperlo sfruttare al massimo anche nelle situazioni più estreme

Infine l’aspetto più importante: la Street Photography è mossa da intenti umanistici. Non farti ingannare dal termine, esso significa infatti che la fotografia viene scattata in strada, ma il vero soggetto, implicito o esplicito, è sempre la persona umana. La “street” rappresenta soltanto il suo habitat naturale, nel quale l’uomo può rivelare tutti i suoi tratti peculiari.
Sta a te cogliere l’attimo giusto e raccontare un altro piccolo atto dell’infinita commedia umana.

Questi sono gli aspetti più importanti e fondanti la Street Photography, su cui mi soffermerò in seguito, descrivendo meglio anche gli strumenti necessari e piccoli accorgimenti tecnici.

Pensi che sia una descrzione esauriente o aggiungeresti qualcos’altro?